Telefono: +39 035.883.450 - Fax: +39 035.885.151 - E-mail: icmi@icmi.it

SITEMA Srl

Case History SITEMA Srl

case_sitema_01

SETTORE MERCEOLOGICO: Studio, progettazione e consulenza nella realizzazione di impianti nel settore legno

PROBLEMA
Sitema Srl, già uno dei nostri clienti, azienda specializzata nello studio, progettazione e consulenza nella realizzazione di impianti nel settore legno, ci richiese lo studio, per un loro cliente, di una macchina nastratrice a regolazione manuale per nastrare scatole in cartone sia con falde di tipo americano nella parte superiore ed inferiore sia scatole “fustellate”, contenenti:
– accessori per la realizzazione di porte e scrivanie (maniglie, viteria, serrature, ecc.);
– pianali in legno/plastica per la realizzazione scrivanie;
– pannelli in legno/compensato per la realizzazione di porte;

Il cliente desiderava una nastratura speciale e particolare: infatti ci chiesero la possibilità di avere una macchina dotata di 3 unità di nastratura superiori e 3 unità di nastratura inferiori per porre tre strisce di nastro autoadesivo; 2 lungo tutta la parte centrale delle scatole, con un risvolto nella parte inferiore e 4 tratti a “C”, laterali nella parte anteriore e posteriore delle scatole. Impiegando nastro adesivo con larghezza pari a 75mm.

DATI TRASMESSI:
Ci furono trasmessi i seguenti dati:
– Larghezza: min. 600mm; max. 1000mm
– Lunghezza: min. 1200mm; max. 2500mm
– Altezza: min. 40mm; max. 600mm
– Potenzialità: 7-8 scatole/minuto;
– H piano rulli: 700mm +- 50mm

SOLUZIONE PROPOSTA:
In base a quanto richiestoci dal cliente, proponemmo una macchina nastratrice a regolazione manuale sulla larghezza e sull’altezza, in grado di depositare 3 strisce di nastro adesivo, con interasse tra loro di circa 150mm.
Tratti verticali anteriori e posteriori da 55mm garantivano anche una sovrapposizione del nastro adesivo variabile in funzione dell’altezza scatole: da 40mm a 55mm sovrapposizione totale, da 55 a 100 sovrapposizione parziale rispettivamente da 55 e 5mm.

DEFINIZIONE LAVORAZIONE:
Da ciò si definì:
– nastratura superiore ed inferiore: nastro autoadesivo in PPL di La40/75mm;
– altezza dei tratti verticali variabili, in base alla tipologia della scatola: da 10mm a 55mm;
– dimensionamento manuale sul formato della scatola da nastrare;
dopo circa 8 mesi di progetti, offerte, valutazioni tecniche del cliente, ricevemmo l’ordine di fornitura.

SPECIFICHE TECNICHE:
Le soluzioni tecniche progettate ed adottate nella realizzazione della macchina, atte a soddisfare le esigenze suddette, sono state speciali ed innovative per una nastratrice:
– 3 unità di nastratura superiori e 3 inferiori (con interasse di circa 150mm) semplici ed affidabili, in grado di depositare nastro adesivo con tratti verticali anteriori e posteriori lunghi 55mm circa e tratti orizzontali lunghi a Piacere;
– cilindri a regolazione pneumatica per il comando dei rulli pressori;
– taglio nastro adesivo a comando pneumatico;
– dispositivo di freno bobina per facilitare e regolare lo svolgimento del nastro autoadesivo anche con bobine da 1320m;
– sequenziatore logico programmabile per la gestione del ciclo di lavoro della macchina e degli accessori installati,
– motoriduttori presvolgitori per sincronizzare lo svolgimento delle bobine laterali di nastro con la velocità di avanzamento delle scatole e quindi corretta applicazione delle strisce a “C”,
– cinghie trasporto scatole con apposito “profilo” per la lavorazione di scatole con H variabile da 40 a 600mm,
– dispositivo manuale per l’esclusione delle unità di nastratura laterali.

EFFICACIA:
Nel giugno del 2003 la macchina ha iniziato il suo lavoro che sta tuttora proseguendo con piena soddisfazione del cliente.

Guarda la versione PDF