Telefono: +39 035.883.450 - Fax: +39 035.885.151 - E-mail: icmi@icmi.it

RISCHIO DI ESPLOSIONI? AFFIDARSI A ICMI CONVIENE

Quando la sicurezza è importante, affidarsi al caso non conviene.
Ignorare, trascurare o non far rispettare le disposizioni di legge sulla prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro, oggi attentamente e puntualmente definita anche a livello europeo, significa mettere in serio pericolo l’incolumità di persone e cose ed assumersi responsabilità perseguibili penalmente. Anche l’operazione di collegamento all’impianto di terra per scaricare l’energia elettrostatica, comunemente definita di “messa a terra”, o di equiparazione del potenziale tra contenitori di prodotti (liquidi, gassosi o polveri) infiammabili o posti in zone con pericolo d’esplosione, deve essere effettuata rispettando le opportune disposizioni e con adeguati strumenti quali le pinze tipo ISEO 1 ed ISEO 2.
Esse soddisfano alle prescrizioni poichè il contatto elettrico, che si chiude solo ad avvenuta connessione meccanica della pinza, è contenuto in apposita custodia a prova di esplosione “d” realizzata secondo le norme EN60079-0, EN60079-1, EN61241-0 , EN61241-1 ed appartenente al gruppo di apparecchi II2 GD per atmosfere esplosive con presenza di gas Ex d IIC (idrogeno-acetilene) T6 e/o con presenza di polveri infiammabili Ex tD A21 T85°C IP65 utilizzabile ad una temperatura ambiente di -20°/+55°C. Sono certificate in conformità alle prescrizioni della Direttiva 94/9/CE, recepita dall’Italia con D.p.r. 126 del 23/03/1998, con numero CESI 03 ATEX 101X.

Guarda la scheda in PDF